Sul trasloco del soffitto di Fontana

Da Lloyd a Pomodoro, aumenta il vuoto della cultura artistica all’Isola, uno scritto di Alessandra Ribaldone del 27 ottobre 2002.

soffitto fontana tempesta di mare hotel del golfo

Sono iniziati da alcuni giorni i lavori per la rimozione della “Tempesta di Mare”, l’opera realizzata da Lucio Fontana nel 1956 sul soffitto della sala da pranzo dell’Hotel del Golfo a Procchio. Ricordiamo che la presenza del grande artista del ‘900 all’Elba si concretizzò in questo lavoro eseguito per l’amico Camerini che costruiva l’elegante Hotel affacciato sullo splendido Golfo.

Le operazioni di distacco sono state affidate ad una ditta specializzata che, con una tecnica molto accurata e personale di grande professionalità, “smonterà” in tanti pezzi l’intero soffitto di ben 135 mq per poi rimontarlo provvisoriamente al ministero dei Beni culturali a Roma dove rimarrà esposto per due anni. Sede definitiva, probabilmente, il Museo d’arte moderna dell’Accademia di Belle Arti di Brera, a Milano.
Purtroppo la nostra Isola perderà definitivamente uno dei pochi “tesori” dell’arte moderna presenti sul suo territorio, anche se la sua esistenza era praticamente sconosciuta ai “non addetti ai lavori”.

L’arte dell’800 ha lasciato impronte significative nell’architettura di palazzi (purtroppo in parte o del tutto distrutti durante l’ultima guerra) e in opere esposte presenti nella Pinacoteca Foresiana del Capoluogo, non altrettanto si può affermare con l’arte del ‘900 nelle sue più importanti avanguardie, in quanto le espressioni artistiche in questo secolo sull’Isola per la maggior parte sono ispirate o hanno risentito dell’impronta dei Macchiaioli.

Eppure, anche se in maniera sporadica e occasionale, il passaggio di grandi esponenti dell’arte moderna ha lasciato qualche traccia: ricordiamo ad esempio Paul Klee che soggiornò all’Elba con la moglie per un breve periodo nel 1926 alla ricerca della “luce mediterranea” della quale sentiva una necessità quasi “fisica”. Suoi schizzi di paesaggi elbani sono presenti in musei d’Europa mentre una raffigurazione ad acquarello di Portoferraio, che Klee chiamò “Città su due colline”, si trova in una collezione privata a Stoccarda. Nel 1950 soggiornò all’Elba Giorgio De Chirico, anch’egli attratto dal fascino seducente dell’atmosfera elbana. Tra gli artisti più recenti ricordiamo gli scultori Consagra e Giò Pomodoro; i lavori in granito di quest’ultimo si trovano al Poggio di Marciana.

La più significativa presenza dell’arte moderna all’Isola si concentra nell’International Art Center, fondato nel 1965 da Italo Bolano nella Valle di San Martino. Il Centro, frutto degli sforzi personali dell’artista elbano, nei suoi quasi quarant’anni di attività ha ospitato pittori di fama internazionale, quale il russo Lasar Galpern , collaboratore di Marc Chagal nel teatro di Mosca, Nina Melova, il pittore tedesco Emil Schumacher, considerato uno dei massimi esponenti della pittura contemporanea germanica, gli inglesi Howe e Wright e quindi artisti cecoslovacchi, francesi ecc.
E pensare che ognuno di questi artisti ha donato una sua opera per un totale di una quarantina di lavori destinati ad un “Museo di arte moderna” che da anni Bolano cerca di far istituire in quest’Isola ove l’orologio artistico sembra essersi fermato alla fine dell’800.

E pensare che, con un poco di sensibilità politica e lungimiranza amministrativa, potrebbe diventare un importante crocevia internazionale dell’arte moderna, a dimostrazione che l’Isola, oltre al mare azzurro, il cielo limpido, i colori di una natura lussureggiante, potrebbe dare ancora di più, qualche cosa forse di unico nel suo genere in Italia: un polo d’attrazione internazionale per il rilancio di un turismo culturale qualificato. E’ la morale spicciola che si può trarre dal “trasloco” del soffitto di Fontana fuori dall’Elba, del tutto legittimo in quanto scelta di un privato. E’ ora che le Istituzioni pubbliche e gli operatori turistici si muovano per operare concretamente nella direzione del turismo culturale, risorsa che potrebbe fornire all’Isola d’Elba qualcosa “in più” rispetto alle altre belle isole del Mediterraneo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

cookieassistant.com